Il SAP sulla prima pagina del Corriere della Sera – SAP Torino

Il SAP sulla prima pagina del Corriere della Sera

“Poliziotti in rivolta: schedato chi si ammala”: la denuncia del Corriere della Sera e l&#39intervento del SAP sul decreto Brunetta Le Questure stanno compilando elenchi di dipendenti con i...
“Poliziotti in rivolta: schedato chi si ammala”: la denuncia del Corriere della Sera e l&#39intervento del SAP sul decreto Brunetta

Le Questure stanno compilando elenchi di dipendenti
con i dettagli sulle loro malattie

POLIZIOTTI IN RIVOLTA: SCHEDATO CHI SI AMMALA

Il Viminale chiede i dati degli assenti.
I sindacati: vogliono tagliare gli stipendi, e&#39 l&#39effetto Brunetta

ROMA – Esiste una “schedatura” dei poliziotti che si sono assentati per malattia a partire dal 26 giugno scorso. Con una procedura che non ha precedenti, le questure stanno raccogliendo i dati su agenti e funzionari che hanno presentato un certificato medico. Lo dispone una circolare che gli uffici del personale hanno trasmesso a tutti i dirigenti. E i sindacati sono in rivolta perche&#39 nessuno sa chi abbia ordinato questo “monitoraggio”. E soprattutto si ignora quale sia il fine, anche se c&#39e&#39 il sospetto piu&#39 che fondato che serva a tagliare gli stipendi, cosi&#39 come previsto dall&#39ormai famoso “decreto Brunetta”.
“Ai fini conoscitivi – e&#39 scritto nel documento classificato come “riservato” che il Personale sta trasmettendo ai vari reparti – prego restituire, debitamente compilati, gli allegati moduli riepilogativi degli eventi malattia sofferti dai dipendenti a decorrere dalla data del 26 giugno 2008 sino al 28 luglio 2008. Detti moduli dovranno pervenire alla segreteria dell&#39Ufficio Personale inderogabilmente entro e non oltre il 28 luglio 2008, aggiornati a tale data, anche se negativi. Gli stessi, in seguito, dovranno essere trasmessi con cadenza giornaliera entro le 9.30″.
Nei moduli si chiede di specificare l&#39identita&#39 del dipendente e la sua qualifica oltre ai dettagli riguardanti la malattia. I dati sulla salute dei cittadini sono ritenuti “sensibili” dalla legge sulla privacy. Ma non e&#39 soltanto questo ad allarmare i rappresentanti di categoria. Sinora i certificati venivano gia&#39 trasmessi ai vari uffici del personale cosi&#39 come impone la normativa e dunque si vuole scoprire se davvero il decreto che riguarda gli statali firmato dal ministro Renato Brunetta imponga la compilazione di schede collettive che contengono tutti i nominativi del personale.

LA RICHIESTA DEI SINDACATI – Per questo gia&#39 questa mattina i sindacati chiederanno ufficialmente di sapere quale ufficio del Viminale abbia imposto alle questure le nuove disposizioni e soprattutto che fine faranno i moduli raccolti nelle varie questure. Si sa che Roma, Torino e Nuoro hanno gia&#39 terminato la compilazione dei questionari relativi al primo mese e anche gli altri uffici si stanno adeguando. Quanto alta sia l&#39incidenza dei “tagli” per i primi dieci giorni di malattia l&#39ha calcolato il Sap, il sindacato autonomo di polizia. “Per avere una percezione chiara – spiega il portavoce Massimo Montebove – basti dire che un agente o un carabiniere semplice guadagnano 1.261,65 euro al mese e subiranno una decurtazione di 103,44 euro. Un ispettore o un maresciallo prendono in busta paga 1726,54 euro e una detrazione pari a 190,89. Si oscilla tra l&#39otto e il dieci per cento”. Di fronte alla manovra i sindacati annunciano uno sciopero che si svolgera&#39 in autunno, ma gia&#39 adesso sono in stato di agitazione. Il motivo lo ribadisce il segretario generale del Sap Nicola Tanzi: “L&#39esecutivo di Berlusconi, Tremonti e Brunetta sbatte ancora una volta la porta in faccia a forze dell&#39ordine e forze armate, con la conversione in legge al Senato, attraverso il meccanismo della &#39fiducia&#39, della manovra economica. Questo governo ha vinto le elezioni promettendo maggior sicurezza agli italiani e non inutili operazioni di facciata, come l&#39impiego dei militari”.
“Cio&#39 che piu&#39 colpisce negativamente – denuncia Claudio Giardullo della Silp Cigl – sono le scelte. A fronte di un taglio di un miliardo di euro per i prossimi tre anni che provochera&#39 una perdita di almeno 6.000 uomini, si decide di spendere 60 milioni per mettere i militari nelle citta&#39 e nessun intervento strutturale che riguardi i mezzi e gli edifici”.

(Fiorenza Sarzanini – 04 agosto 2008 – Corriere della Sera)

La prima pagina del Corriere della Sera
Read more

L&#39articolo di Fiorenza Sarzanini in pdf
Read more

Categories
NewsSegreterie regionaliTorino

connessi titolo

Ultime notizie